Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Consumi gas, dicembre in calo ma il 2019 si chiude con il segno positivo
08/01/2020 - Pubblicato in news nazionali

A dicembre i consumi di gas naturale in Italia hanno fatto registrare una diminuzione dell’11% rispetto allo stesso mese del 2018. In termini assoluti, i prelievi nel mese appena concluso, registrati sulla rete Snam, sono stati pari a 7.707 milioni di standard metri cubi (Smc) contro gli 8.671 milioni di Smc di dicembre 2018. Questa diminuzione è stata determinata da una minore domanda di gas naturale per tutti i settori: i consumi del comparto industriale si sono assestati sui 1.096 milioni di Smc (-6,6% rispetto a dicembre 2018), quelli del settore termoelettrico sui 1.845 milioni di Smc (-12,5% rispetto a dicembre 2018) mentre quelli residenziali sono risultati pari a 4.766 milioni di Smc (-11,6% rispetto a dicembre 2018). Durante il mese è stato registrato un calo delle importazioni totali (pari a 5.333 milioni di Smc) rispetto allo stesso mese del 2018 (-9,2%) e della produzione nazionale che è diminuita del 18%, totalizzando 348 milioni di Smc circa. In aumento di circa il 18% rispetto a dicembre 2018, invece, l’apporto di Gnl immesso in rete tramite le strutture di rigassificazione, pari a 1131 milioni di Smc. In particolare, l’aumento è dovuto al maggiore apporto di gas proviene da tutti gli impianti, in maniera particolare da quelli di Panigaglia (181 milioni di Smc, +86 milioni di Smc rispetto a dicembre 2018) e Rovigo (669 milioni di Smc, +73 milioni di Smc rispetto a dicembre 2018), seguiti da quello di Livorno (281 milioni di Smc, +12 milioni di Smc rispetto a dicembre 2018). Complessivamente, nel 2019, le importazioni hanno riportato un aumento del 4,8% e i consumi una crescita dell’1,9%. In particolare, l’incremento delle importazioni è legato ai maggiori flussi di gas naturale liquefatto (+61%) che hanno largamente compensato la diminuzione delle importazioni di gas via gasdotto (-3,5%).

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]