Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa CO2, gli Stati Uniti guidano il calo delle emissioni (grazie allo shale). Calo anche in Cina, grazie al passaggio al gas nel residenziale. Nel Regno Unito gas più economico del carbone anche grazie al prezzo floor della CO2
18/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Per il terzo anno consecutivo le emissioni di anidride carbonica legate all'energia sono rimaste invariate a fronte di una crescita dell'economia globale. Lo segnala l'Aie, specificando che questo è il risultato di una crescente produzione di energia da fonti rinnovabili, del passaggio dal carbone al gas naturale, del miglioramento dell'efficienza energetica e dei cambiamenti strutturali dell'economia globale. A determinare questo risultato, sottolinea l'Agenzia, sono soprattutto le prestazioni di Stati Uniti e Cina, i due maggiori consumatori di energia ed emettitori di CO2. Nei due Paesi le emissioni sono diminuite nel 2016, mentre sono rimaste stabili in Europa, così da compensare gli aumenti nella maggior parte del resto del mondo. Il calo maggiore si è registrato negli Stati Uniti (-3% o 160 milioni di tonnellate), mentre l'economia è cresciuta dell'1,6%. Il declino è determinato dal fatto che l'abbondanza di shale gas e la crescita delle rinnovabili hanno spiazzato il carbone. Le emissioni negli Stati Uniti l'anno scorso hanno raggiunto il livello più basso dal 1992 (a fronte di un aumento del Pil dell'80% nel periodo). "Questi tre anni di emissioni invariate in un'economia globale in crescita sono motivo di ottimismo, anche se è presto per dire che le emissioni globali hanno raggiunto il picco”, ha detto Fatih Birol, direttore esecutivo dell'Aie. "Sono anche il segno che le dinamiche di mercato e i miglioramenti tecnologici contano. Questo è particolarmente vero negli Stati Uniti, dove l'abbondanza di shale gas è diventata una fonte di energia a basso costo". Secondo l'Aie, con le politiche appropriate, la produzione di gas naturale negli Stati Uniti potrebbe continuare a crescere con forza negli anni a venire. Ciò potrebbe avere tre conseguenze: oltre all'aumento della produzione nazionale, anche la disponibilità di gas più competitivo per l'Asia attraverso le esportazioni di Gnl e un'alternativa per l'Europa.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]