Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Clima, Usa e Ue restano divisi, l’Italia media
12/06/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Gli Usa premono per rinegoziare gli accordi di Parigi. L’intenzione è quella di un programma fai da te delle riduzioni di gas serra . L’ospite più atteso al G7 ambiente di Bologna era Scott Pruitt. E Pruitt in effetti è arrivato, ha posato per la “foto di gruppo”, ha anche fatto la sfoglia insieme al ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti ringraziandolo poi per l’ospitalità con un tweet, ma è rimasto fermo sulle sue posizioni. Pruitt è poi ripartito a vertice ancora in corso, lasciando i suoi referenti a completare l’opera. Il tempo del dibattito gioca questa volta a favore dell’ambiente. L’uscita dall’accordo di Parigi infatti non può essere “istantanea”, come ha ricordato qualche giorno fa anche il presidente della commissione europea Juncker, l’accordo vale 3 anni dall’entrata in vigore nel 2016 e poi serve un altro anno per la procedura di uscita. Nel frattempo alcuni ministri presenti al G7 auspicano che Trump riveda le sue decisioni. La negoziazione quindi si gioca su un confine sottile: anche gli Stati Uniti dicono di voler ridurre le emissioni, come ha chiarito Carlo Carraro del gruppo di ricerca dell’Onu sul cambiamento climatico, in sostanza vogliono «introdurre nuove misure che pur non rientrando nell’accordo, vanno nella stessa direzione». Per Galletti fuori dall’accordo non ci sono però «gli strumenti per raggiungere gli obiettivi» perché quello è «un accordo multilaterale globale con interventi coordinati», ben diverso dalle «azioni volontarie».

Fonte: La Repubblica – Eleonora Capelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]