Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dal clima alla ricerca le dieci pagelle per i Paesi del G7
22/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Decideranno dell’Accordo sul Clima di Parigi, fra quattro giorni a Taormina, ma i sette Grandi della Terra non figurano nella Top ten dei Paesi mondiali a più alto indice di performance ambientale. Discuteranno di tutela dei cittadini, ma non sono i sette Paesi più sicuri al mondo. E immagineranno come sarà l’industria di domani senza avere la palma del Paese più innovativo (il primo è la Corea del Sud, il secondo è la Svezia). Sul tavolo del G7 di Taormina a presidenza italiana, venerdì e sabato prossimi, ci saranno tre macro-temi: quello della sostenibilità economica, ambientale e sociale; quello dell’innovazione e delle competenze nell’era della nuova rivoluzione industriale; e quello della tutela dei cittadini dai rischi. Ma come stanno affrontando a casa loro queste sfide, i sette Grandi del Pianeta? Chi sono i veri leader della corsa? Pur non sedendo al tavolo del G7, i Paesi scandinavi restano i veri modelli cui tendere in fatto di sostenibilità ambientale. Nell’Environmental Performance Index dell’Università di Yale al primo posto c’è la Finlandia, mentre a sorpresa al 10° posto spunta la Francia. Chi avesse scommesso sul Canada avrebbe perso, Ottawa è solo 25esima. Per una volta, invece, l’Italia batte la Germania: noi al 29esimo posto, loro al 30esimo.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Micaela Cappellini (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam a un passo dal gasdotto Olt

Il passaggio di mano del 49,07% del rigassificatore di Livorno, Olt Offshore Lng Toscana, è sempre più vicino
[leggi tutto…]

Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%

L’attacco che ha dimezzato la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita ha messo a nudo la vulnerabilità di un pilastro del sistema energetico mondiale
[leggi tutto…]

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]