Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Clima, Fmi: puntare su politiche fiscali
13/01/2016 - Pubblicato in fiscalita,news internazionali

Questi, secondo il Fondo Monetario Internazionale, gli interventi più opportuni per concretizzare gli impegni presi dai leader mondiali in occasione della conferenza sul clima di Parigi dello scorso dicembre. “La necessità più urgente e cruciale è riconoscere e sfruttare il potenziale ruolo delle politiche fiscali nell'applicazione degli impegni climatici presi da 186 Paesi nel contesto dell'accordo di Parigi”, si legge in uno studio del Fmi sulle “implicazioni fiscali, macroeconomiche e finanziare del cambiamento climatico”. “Al centro del problema ci sono le esternalità: le aziende e le famiglie non sono sanzionate per le conseguenze ambientali dei gas serra. Ha pertanto un ruolo centrale istituire un'appropriata tassa sulle emissioni, ovvero rimuovere l'incentivo implicito che arriva dal mancato sanzionamento dei costi ambientali”. Per ridurre le emissioni, dovrebbe essere centrale il carbon pricing, attraverso le tasse o sistemi di trading che si comportino come tasse”, prosegue l'istituto di Washington. “Ciò potrebbe essere lo strumento di mitigazione più efficace e più lineare da amministrare”. Anche il sistema finanziario deve giocare il suo ruolo, aggiunge il Fmi, non solo con maggiori investimenti in tecnologie pulite ma con una valutazione puntuale dei profili di rischio climatico delle aziende quotate che aumenti la trasparenza e renda più agevole la transizione verso un'economia a basse emissioni.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]