Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si cerca intesa sul gasdotto Tap
08/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul Tap non si torna indietro. Le dichiarazioni del ministero dell’Ambiente Costa, sulla “revisione del Tap, data la sua inutilità a fronte dei minori consumi di gas” vanno rilette da questa angolazione. I consumi di gas risultano in crescita da 12 trimestri consecutivi: dai circa 62 miliardi di metri cubi del 2014 si è passati ai più di 75 miliardi del 2017, di cui l’Italia importa il 90%. Nel 2020, quando il Tap dovrebbe entrare in attività, andranno in scadenza contratti di fornitura per 35 miliardi di metri cubi annui di gas, per i quali non sono ancora stati definiti i termini della rinegoziazione. Dietro il gasdotto ci sono sei società, Snam, Socar, BP, Fluxys, Enagas e Axpo, tre delle quali sono quotate, già impegnate con finanziamenti ,aumenti di capitale sottoscritti e versati, contratti di approvvigionamento del gas con gli azionisti del giacimento azero di Shah Deniz, e appalti in essere con i fornitori, molti dei quali sono italiani, per un investimento complessivo di 4,5 miliardi di euro.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]