Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Carbone, da malato terminale a hot commodity
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

A dispetto delle previsioni il carbone non è il malato terminale che l’Agenzia internazionale per l’Energia e Goldman Sachs descrivevano e sta di fatto sperimentando una rinascita. Solo da metà giugno, sostenuto dalla crescita della domanda cinese, i prezzi delle spedizioni australiane dal terminal di New Castle sono aumentate del 35%, a quasi 70 dollari per tonnellata. Pechino ha ridotto la produzione di carbone a 276 giorni all’anno con conseguente calo dell’output pari al 16%: secondo Goldman le restrizioni di Pechino hanno trasformato il carbone in una delle materie prime con la migliore performance del 2016. A sostenere i prezzi della materia prima ci sono anche la domanda stabile di Filippine, Vietnam, Indonesia, per non parlare di Giappone e Corea del Sud che hanno affermato di voler aumentare l’import di carbone e ridurre quello di Gas naturale liquefatto. I principali titoli del settore sono cresciuti notevolmente e in particolare restano favorite le aziende australiane grazie all’alta qualità della produzione locale.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Barbara Pezzotti (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]