Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Carbone, da malato terminale a hot commodity
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

A dispetto delle previsioni il carbone non è il malato terminale che l’Agenzia internazionale per l’Energia e Goldman Sachs descrivevano e sta di fatto sperimentando una rinascita. Solo da metà giugno, sostenuto dalla crescita della domanda cinese, i prezzi delle spedizioni australiane dal terminal di New Castle sono aumentate del 35%, a quasi 70 dollari per tonnellata. Pechino ha ridotto la produzione di carbone a 276 giorni all’anno con conseguente calo dell’output pari al 16%: secondo Goldman le restrizioni di Pechino hanno trasformato il carbone in una delle materie prime con la migliore performance del 2016. A sostenere i prezzi della materia prima ci sono anche la domanda stabile di Filippine, Vietnam, Indonesia, per non parlare di Giappone e Corea del Sud che hanno affermato di voler aumentare l’import di carbone e ridurre quello di Gas naturale liquefatto. I principali titoli del settore sono cresciuti notevolmente e in particolare restano favorite le aziende australiane grazie all’alta qualità della produzione locale.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Barbara Pezzotti (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’ok USA a Nord Stream 2. Merkel: mano tesa a Putin

La prima tappa del viaggio europeo del Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Berlino potrebbe coincidere con una svolta nei rapporti tra UE e Russia.
[leggi tutto…]

Eni, nuova scoperta nel Mare del Nord

Eni centra un altro traguardo in Norvegia dove ieri ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel Marte del Nord Meridionale
[leggi tutto…]

Volete le emissioni zero? Triplicate il verde

Gli investimenti nell’energia cresceranno del 10% quest’anno, fino a 1900 miliardi di dollari, recuperando la maggior parte del crollo dell’anno scorso causato dalla pandemia
[leggi tutto…]