Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Carbone, da malato terminale a hot commodity
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

A dispetto delle previsioni il carbone non è il malato terminale che l’Agenzia internazionale per l’Energia e Goldman Sachs descrivevano e sta di fatto sperimentando una rinascita. Solo da metà giugno, sostenuto dalla crescita della domanda cinese, i prezzi delle spedizioni australiane dal terminal di New Castle sono aumentate del 35%, a quasi 70 dollari per tonnellata. Pechino ha ridotto la produzione di carbone a 276 giorni all’anno con conseguente calo dell’output pari al 16%: secondo Goldman le restrizioni di Pechino hanno trasformato il carbone in una delle materie prime con la migliore performance del 2016. A sostenere i prezzi della materia prima ci sono anche la domanda stabile di Filippine, Vietnam, Indonesia, per non parlare di Giappone e Corea del Sud che hanno affermato di voler aumentare l’import di carbone e ridurre quello di Gas naturale liquefatto. I principali titoli del settore sono cresciuti notevolmente e in particolare restano favorite le aziende australiane grazie all’alta qualità della produzione locale.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Barbara Pezzotti (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]