Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Carbone, da malato terminale a hot commodity
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

A dispetto delle previsioni il carbone non è il malato terminale che l’Agenzia internazionale per l’Energia e Goldman Sachs descrivevano e sta di fatto sperimentando una rinascita. Solo da metà giugno, sostenuto dalla crescita della domanda cinese, i prezzi delle spedizioni australiane dal terminal di New Castle sono aumentate del 35%, a quasi 70 dollari per tonnellata. Pechino ha ridotto la produzione di carbone a 276 giorni all’anno con conseguente calo dell’output pari al 16%: secondo Goldman le restrizioni di Pechino hanno trasformato il carbone in una delle materie prime con la migliore performance del 2016. A sostenere i prezzi della materia prima ci sono anche la domanda stabile di Filippine, Vietnam, Indonesia, per non parlare di Giappone e Corea del Sud che hanno affermato di voler aumentare l’import di carbone e ridurre quello di Gas naturale liquefatto. I principali titoli del settore sono cresciuti notevolmente e in particolare restano favorite le aziende australiane grazie all’alta qualità della produzione locale.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Barbara Pezzotti (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]