Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania
17/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

L’offensiva del Green Deal tedesco passa per un superamento del carbone, con la chiusura entro il 2038 delle centrali alimentate da questo combustibile altamente inquinante. Angela Merkel nella notte tra mercoledì e giovedì ha raggiunto un delicato accordo con i Lander interessati alla transizione che prevede compensazioni per oltre 40 miliardi di euro e le prime chiusure a partire dalla fine del 2020. I fondi stanziati verranno utilizzati per progetti infrastrutturali e riconversione dei lavoratori nelle Regioni dove sono maggiormanete concentrate le centrali a carbone e le miniere di lignite, il tipo di combustibile più inquinante. Si discute anche del trasferimento di alcuni uffici governativi e di siti militari oltre che la costruzione di centrali elettriche e gas. “Siamo il primo Paese che abbandona sia il nucleare che il carbone”, ha commentati dopo l’accordo il Ministro dell’Ambiente, Schulze. Nel 2022 infatti la Germania completerà il piano di chiusura delle centrali nucleari. Dal carbone arriva circa un terzo dell’elettricità prodotta in Germania mentre le energie rinnovabili – eolico, solare e biomasse le più importanti – coprono il 25 per cento. Entro il 2030 dalle rinnovabili dovrà arrivare il 65 per cento dell’elettricità prodotta in Germania. La programmazione della chiusura delle centrali a carbone, con la scadenza fissata al 2038 potrebbe essere anticipata, se il piano procederà, al 2035.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Roberta Miraglia (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]