Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La carbon tax, scure sulla ripresa petrolifera
27/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Piove sul bagnato per l’industria petrolifera di Singapore, i cui margini sono stati compressi da anni di quotazioni bassissime e stava appena riprendendo fiato. Il ministro delle Finanze ha annunciato la settimana scorsa l’introduzione di una carbon tax sulle emissioni delle decine di raffinerie, off-shore e sulla terraferma, che la città-Stato ospita e l’hanno resa una delle capitali petrolifere del mondo. Molte delle raffinerie sono di proprietà di compagnie occidentali, attirate nel corso degli anni da una politica fiscale straordinariamente conveniente. Il totale della capacità di raffinazione è di 1,5 milioni di barili al giorno: su di essi graverà una tassa fra i 7 e i 15 dollari per tonnellata di “gas-serra” emesso. I costi operativi saliranno fra i 2,5 e i 5 dollari per barile. Il 2017 dovrebbe essere iniziato col piglio giusto, grazie anche a un rialzo dei margini di raffinazione nelle ultime settimane.

Fonte: La Repubblica, Affari e Finanza – Red. (pag 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]