Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Cane ha corso in salita
11/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Sarà Eni, prima tra le quotate di Stato, ad aprire i giochi per i rinnovi dei consigli d’amministrazione. Il calendario le consegna il primato, con l’assemblea fissata il 13 aprile: le liste per il nuovo cda saranno rese pubbliche il 23 marzo. La data dell’assemblea ha portato ad anticipare anche l’ormai rituale appuntamento di Londra per la presentazione del piano e dei risultati 2016, previsto quest’anno il primo marzo. L’ad. Claudio Descalzi, però, arriva alla volata finale con il fardello di un possibile rinvio a giudizio, nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta corruzione per l’acquisizione dei diritti sul giacimento petrolifero nigeriano Opl-245, avvenuta nel 2011. La posizione di Eni nel frattempo non è cambiata di una virgola: nessun intermediario è stato utilizzato per assicurarsi quella concessione, la somma pagata insieme al partner Shell per il blocco Opl 245 è stata versata direttamente su un conto intestato al Governo nigeriano. Il cda ha serrato subito i ranghi attorno all’ad. In realtà il mercato apprezza il lavoro fatto dal manager. Ubs si è spesa più di ogni altra banca d’affari con un report tutto pro-Descalzi. «L’analisi dei primi tre anni di mandato supporta con forza la sua riconferma», scrivono gli analisti.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]