Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Camera, Bellanova risponde su Sen, Ntv e metanizzazione
15/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Teresa Bellanova, vice ministro dello Sviluppo economico, giovedì ha risposto a una serie di interrogazioni in commissione Attività produttive alla Camera su temi di interesse per il settore. In tema di Sen, su richiesta di Gianluca Benamati, Pd, ha dato qualche ulteriore spiegazione riguardo alla posizione del governo sul futuro dell'approvvigionamento di gas. In un'ottica di diversificazione, ha comunicato che attualmente è in corso la ricognizione dell'effettivo utilizzo delle infrastrutture in esercizio e di quelle autorizzate analizzando le nuove prospettive di approvvigionamento tramite Gas Naturale Liquefatto (GNL), “anche nel quadro dello sviluppo dell'uso del GNL nel trasporto terrestre e marittimo, in attuazione della direttiva europea sui combustibili alternativi (Direttiva «DAFI») recentemente recepita in Italia”. Come già fatto presente dal ministro Carlo Calenda in audizione, per far fronte all'aumento delle condizioni di incertezza delle forniture via gasdotto, la vice ministro ha detto con ancora maggior chiarezza che il ministero “sta attivamente perseguendo una strategia di diversificazione e di aumento delle forniture di GNL”. Riferendosi ai nuovi progetti in campo, ha ricordato che sarà presto operativo il Tap e l'interesse dell'Italia per il metanodotto EastMed. Relativamente al giacimento di Zohr, scoperto da Eni, Bellanova ha invece fatto presente “che sarà destinato prevalentemente alla domanda egiziana”. Tutte queste iniziative, ha concluso, sono in fase di studio, ma ha ribadito che “A fronte di questi nuovi progetti, il Governo ritiene comunque necessario il rafforzamento della dorsale interna italiana per consentire in sicurezza il trasporto del gas verso nord e la piena integrazione del sistema italiano con quello europeo”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]