Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda allo Sviluppo la mossa del premier
09/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Ministero dello Sviluppo economico ha un nuovo titolare: Carlo Calenda. Lo ha annunciato ieri sera il premier in tv a “Che tempo che fa”. Renzi, spiegando di aver già condiviso la scelta con il Presidente della Repubblica, ha precisato che la nomina di Mattarella avverrà entro questa settimana. Calenda, nipote di Luigi Comencini (è figlio di Cristina), 43 anni compiuti un mese fa, ha una lunga esperienza come dirigente d’azienda. Dopo aver lavorato in Ferrari ha guidato l’ufficio marketing di Sky ed è stato, tra il 2004 e il 2008, direttore dell’area strategica e affari internazionali di Confindustria. Calenda vanta già una doppia esperienza al Mise come viceministro con il Governo Letta e successivamente con l’attuale esecutivo. Un ruolo, quest’ultimo, lasciato il 21 marzo scorso con la nomina di Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea. «A noi serve uno che sia in grado di maneggiare un ministero importante come quello – ha affermato Renzi – e che abbia l’intelligenza per ragionare del futuro, che vuol dire innovazione, manifattura 4.0, investimenti nelle aree di crisi».

Fonte: Il Messaggero – Michele Di Branco (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]