Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda allo Sviluppo la mossa del premier
09/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Ministero dello Sviluppo economico ha un nuovo titolare: Carlo Calenda. Lo ha annunciato ieri sera il premier in tv a “Che tempo che fa”. Renzi, spiegando di aver già condiviso la scelta con il Presidente della Repubblica, ha precisato che la nomina di Mattarella avverrà entro questa settimana. Calenda, nipote di Luigi Comencini (è figlio di Cristina), 43 anni compiuti un mese fa, ha una lunga esperienza come dirigente d’azienda. Dopo aver lavorato in Ferrari ha guidato l’ufficio marketing di Sky ed è stato, tra il 2004 e il 2008, direttore dell’area strategica e affari internazionali di Confindustria. Calenda vanta già una doppia esperienza al Mise come viceministro con il Governo Letta e successivamente con l’attuale esecutivo. Un ruolo, quest’ultimo, lasciato il 21 marzo scorso con la nomina di Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea. «A noi serve uno che sia in grado di maneggiare un ministero importante come quello – ha affermato Renzi – e che abbia l’intelligenza per ragionare del futuro, che vuol dire innovazione, manifattura 4.0, investimenti nelle aree di crisi».

Fonte: Il Messaggero – Michele Di Branco (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]