Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda: rivoluzionerò il ministero dello Sviluppo economico
27/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

"La mia prima sfida è squisitamente manageriale. Nei prossimi tre mesi mi dedicherò al turnaround del ministero. Processi, organizzazione e persone occuperanno una parte rilevante del mio tempo. Ci sono nel Mise funzioni che non hanno più ragione di essere mentre molto spesso attività chiave sono prive di risorse”. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, intervenendo all'assemblea di Confindustria. “Questo lavoro - ha detto - darà come risultato anche una profonda spending review. E per non farmi mancare momenti movimentati ho chiesto a Enrico Bondi di aiutarmi come consulente a titolo gratuito. Ho intenzione poi di verificare ogni singolo incentivo erogato per capire quali sono stati i risultati raggiunti in termini di soddisfazione dei clienti e di impatto". "Il principio di fondo - ha detto il ministro - sarà quello di concentrare le risorse sulle iniziative esistenti che funzionano. Per essere efficace una misura deve avere la dimensione adeguata. Per voi è normale farlo nelle vostre aziende. Per il Mise è una rivoluzione. Non ha alcun senso ad esempio lanciare un programma sulle smart cities il cui stanziamento non renderebbe smart neanche un quartiere di Roma. Il risultato di questo lavoro produrrà entro settembre un vero e proprio piano strategico e operativo del nuovo ministero dello Sviluppo economico”. Per il ministro, poi, scaricare sulle imprese i costi degli incentivi per le energie rinnovabili è stata “una follia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]