Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda: energia meno cara
01/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Impiegare al massimo l’arsenale degli incentivi e investire. Nel videomessaggio per il centenario dell’Unione industriali di Napoli, il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda rinnova l’invito alle imprese perché sfruttino a pieno il piano Industria 4.0 varato con la legge di stabilità e concretamente partito a inizio anno. Al tempo stesso, Calenda anticipa un prossimo intervento per abbassare i costi dell’energia per le imprese. «Fateci spendere molti soldi » è l’invito del ministro con riferimento alla copertura statale per le tre principali agevolazioni fiscali in campo per Industria 4.0: il superammortamento al 140%, l’iperammortamento al 250% e il credito d’imposta per investimenti in ricerca e sviluppo. Per Calenda la crisi ha marcato confini abbastanza chiari tra tre diversi gruppi di aziende. C’è un’avanguardia che corrisponde a circa il 20% delle imprese italiane. «C’è poi un 60% che definirei del mondo di mezzo, che rischia di uscire fuori mercato. Ma per loro si intravedono due possibili traiettorie di crescita con l’internazionalizzazione e l’innovazione su cui insistono il piano Made in Italy e il piano Industria 4.0. Infine, «c’è un 20% costituito dalle imprese più colpite dalla crisi, non protette dalla competizione scorretta, si pensi a quanto accaduto con il dumping nel settore dell’acciaio». È un plotone che arranca, appesantito anche dalla maggiore incidenza di fattori interni che frenano la competitività come il costo dell’energia. «In questi primi otto-nove mesi da ministro sono riuscito a sbloccare il pagamento degli energivori, 1 miliardo e 200 milioni che le aziende stavano aspettando. Ma ho pronto anche il nuovo schema per le aziende energivore: molto più intenso e più forte».

Fonte: Il Sole 24Ore – Carmine Fotina (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]