Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Burocrazia contro le imprese verdi
05/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Accade per esempio nelle gare per la concessione delle reti urbane del metano, paralizzate da anni. Ma accade in mille altri segmenti di attività. A Ecomondo, la rassegna dell'ecologia, del riciclo e dell'energia pulita in corso a Rimini Fiera fino a domani, fa impallidire l'elenco dei problemi. Le aziende eoliche protestano perché la rimodulazione degli incentivi imposta per legge sta facendo saltare i cash flow e i piani di rientro degli investimenti. Gli imprenditori dei rifiuti sono soffocati dalla poca oculatezza del sistema pubblico e dalla rapacità della politica. Gli investimenti in efficienza energetica e in fonti rinnovabili vengono paralizzati dall'opinione pubblica emotiva usata come strumento per fini oscuri: come la geotermia in Umbria o l'uso di scarti di legno per fare teleriscaldamento in Val d'Aosta, perseguitate da comitati nimby. Edo Ronchi tira le conclusioni degli Stati Generali della green economy: anche se la nuova economia è quella che traina tutta l'industria «è sottovalutata e c'è una differenza fra la presenza reale e la percezione della forza della green economy in Italia». Nel caso del metano, uno degli argomenti al centro della trasformazione verso un'energia efficiente e pulita, le aziende del gas sono in allarme. Si avvicina (pare) la stagione delle gare per le concessioni locali del metano ma, mentre il mercato è pronto, i sindaci sembrano timorosi. «Potrebbe essere la volta buona, questa», pecca di ottimismo Bruno Tani, amministratore delegato di una media azienda del gas (la Sgr di Rimini) e presidente dell'Anigas, l'associazione confindustriale del settore. La vendita del metano è liberalizzata, ma per consegnare il gas nelle case bisogna passare attraverso i tubi e quel servizio di trasporto è in concessione. In ogni ambito territoriale il servizio di gestione delle condutture e dei contatori finora è rimasto, tranne pochi casi, nelle mani di chi aveva la concessione ereditata da prima del 2000, quando entrò in vigore il decreto Letta che liberalizzava il gas. Le concessioni sono scadute e sono state prorogate molte volte. Ora l'ultima proroga è scaduta ma ben poco si muove. I concessionari uscenti spingono per arrivare alla concessione definitiva, della durata (ritenuta troppo breve) di 12 anni, ma troppi sindaci faticano a bandire le gare per affidare il servizio. In gran parte dei casi, le aziende del gas che devono rinnovare la concessione hanno dovuto pagare in anticipo alle casse municipali i costi della gara. I municipi hanno incassato dai concessionari (è una stima per approssimazione) circa 60 milioni di euro. Incassati i soldi, ora molti Comuni non hanno più così premura di mettere a gara la concessione. E al contrario molte aziende del gas, avendo già pagato e non riuscendo a espandersi in nuova aree, hanno perso i timori di un tempo e spingono affinché finalmente si possa partire con le nuove concessioni.

 

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & territori

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]