Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa È un brutto momento per Riad
12/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del petrolio è schizzato ai massimi dal 2015 (abbondantemente sopra i 62 dollari al barile) dopo che dal Golfo sono arrivate diverse notizie che hanno preoccupato gli investitori: purghe saudite, arresti condotti dal comitato anticorruzione creato dal principe Bin Salman, le dimissione del primo ministro libanese. Il Golfo vede la propria economia vincolata dal basso prezzo del petrolio. Una questione chiave del piano avviato da Bin Salman per diversificare l’economia del paese saudita sta nella quotazione del gigante petrolifero statale Saudi Aramco. Trump ha invitato Riad su twitter a quotare la compagnia al New York Stock Exchange, mettendosi in mezzo nella disputa tra i giganti delle negoziazioni finanziarie. Sulla fase dei nuovi rapporti tra sauditi e americani, c’è il petrolio. Secondo l’ultimo World Oil Outlook rilasciato ieri dall’Opec, il futuro del mercato del bene sarà ancora segnato dal confronto tra lo shale oil americano e il greggio estratto dai reservoir classici.

Fonte: ItaliaOggi – Emanuele Rossi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]