Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Brutte notizie dalla Libia
13/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

A un mese e mezzo dall'accordo annunciato dalla Noc (National Oil Corporation) per lo sblocco dei terminali petroliferi di Ras Lanuf, Es Sidra e Zueitina controllati dalle guardie della Petroleum Facilities Guard (PFG), blocco che da mesi stava a sua volta impedendo la produzione di importanti giacimenti petroliferi e del gas, la notizia che sono caduti sotto il controllo delle milizie del generale Haftar, appoggiato dal parlamento di Tobruk e dal governo egiziano e ostile al governo di Tripoli appoggiato invece dall'Onu, riporta in alto mare la soluzione per via diplomatica del nodo libico. Si tratta di infrastrutture essenziali per garantire la regolare gestione di giacimenti che fanno capo, oltre che a Eni, a Hess, Suncore Energy, OmV, Repsol e Total, e per alimentare un flusso di risorse finanziarie che fanno gola a tutti i contendenti. Senza le quali il caos in cui versa il paese nord-africano rischia di andare definitivamente fuori controllo.

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]