Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Brent sfiora i 78 dollari. E anche il dollaro sale
11/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio continua ad essere un tema dominante dei mercati finanziari, dopo la decisione del Presidente Trump di calcellare l’accordo sul nucleare con l’Iran, che era stato firmato nel 2015, sollevando molti interrogativi sulle possibili ripercussioni sull’economia mondiale. Ieri l’andamento della quotazione del barile è stato influenzato da un avvia di mattinata al rialzo, quando ha toccato nuovi massimi dal novembre del 2014, per poi chiudere sui livelli di mercoledì. Il Brent si è fermato a 77,20 dollari, dopo aver sfiorato quota 78 dollari negli scambi mattutini, mentre il Wti è tornato a 71,14 dollari. In un mese il prezzo dell’oro nero è salito del 10%, ma anche il dollaro ha guadagnato più del 3%, smentendo la correlazione negativa che c’è fra i due asset.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]