Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bolletta nascosta ora il conto per l’energia sala a 2 miliardi
02/10/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non solo le bollette dell’energia sono destinate a salite nei prossimi mesi. Ma anche quando dovesse arrivare una inversione di tendenza dei prezzi di gas e petrolio, sui consumatori andrebbero comunque a pesare costi che in questo momento sono stati “congelati”.  E che, di fatto, impediranno possibili riduzioni per le tariffe, andando ancora una volta a incidere sui bilanci di famiglie e Pmi. Una sorta di “bolletta nascosta” che ora è possibile anche quantificare: due miliardi di euro che si sono accumulati durante le ultime due revisioni delle bollette. Se non fossero stati congelati, le bollette sarebbero cresciute ben oltre i dieci punti percentuali, sia nel giugno scorso sia nell’ultimo aggiornamento appena annunciato dall’Autorità per l’energia, e un livello doppio di quanto è effettivamente avvenuto. I 2 miliardi di euro sono l’ammontare del gettito per gli oneri di sistema. Alla fine dell’anno, l’Authority si vedrà venire meno la leva della “moderazione” e dovrà cominciare a chiedere almeno una parte dei soldi finora non versati ai consumatori. E se il prezzo delle materi prime non dovesse frenare, potrebbero concretizzarsi aumenti consistenti per le bollette.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi ai massimi da novembre

In aumento le quotazioni del petrolio sui circuiti elettronici internazionali.
[leggi tutto…]

Phase out carbone, Crippa rilancia il cavo Sardegna-Sicilia

Il phase out del carbone in Sardegna si può gestire dalla Sicilia, valutando la possibilità di accorciare i tempi di realizzazione;
[leggi tutto…]

Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio

L’asse petrolifero tra Russia e Arabia Saudita inizia a scricchiolare
[leggi tutto…]