Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bolletta nascosta ora il conto per l’energia sala a 2 miliardi
02/10/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non solo le bollette dell’energia sono destinate a salite nei prossimi mesi. Ma anche quando dovesse arrivare una inversione di tendenza dei prezzi di gas e petrolio, sui consumatori andrebbero comunque a pesare costi che in questo momento sono stati “congelati”.  E che, di fatto, impediranno possibili riduzioni per le tariffe, andando ancora una volta a incidere sui bilanci di famiglie e Pmi. Una sorta di “bolletta nascosta” che ora è possibile anche quantificare: due miliardi di euro che si sono accumulati durante le ultime due revisioni delle bollette. Se non fossero stati congelati, le bollette sarebbero cresciute ben oltre i dieci punti percentuali, sia nel giugno scorso sia nell’ultimo aggiornamento appena annunciato dall’Autorità per l’energia, e un livello doppio di quanto è effettivamente avvenuto. I 2 miliardi di euro sono l’ammontare del gettito per gli oneri di sistema. Alla fine dell’anno, l’Authority si vedrà venire meno la leva della “moderazione” e dovrà cominciare a chiedere almeno una parte dei soldi finora non versati ai consumatori. E se il prezzo delle materi prime non dovesse frenare, potrebbero concretizzarsi aumenti consistenti per le bollette.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]