Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream
17/01/2019 - Pubblicato in news nazionali

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upstream in Italia, in termini di redditività delle operazioni, di minori investimenti, di perdita di posti di lavoro, di impatto sulla bilancia commerciale. L'approvazione delle misure porterebbe alla perdita di migliaia di posti di lavoro e comporterebbe una contrazione anche in termini di contributi previdenziali e imposte sui redditi da lavoro che andrebbero a generare una ulteriore riduzione delle entrate rispetto a quanto già conteggiato in precedenza. A tutto questo si aggiungerebbero gli importanti costi sociali che lo Stato andrebbe a sostenere per interventi di sostegno al reddito a favore delle aziende e dei lavoratori in crisi. La diminuzione della produzione nazionale di idrocarburi non soltanto avrebbe effetti negativi sulla bilancia commerciale ma andrebbe a incidere sulla sicurezza degli approvvigionamenti, esponendo ulteriormente l'Italia alla dipendenza dall'estero in un settore a dir poco strategico.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]