Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bilanci Opec in pareggio con greggio a 60 dollari
01/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Se il prezzo del Brent dovesse mantenersi ai livelli attuali, sopra 60 dollari al barile, riuscirebbero a far quadrare i conti pubblici non solo Kuwait e Qatar – tradizionali “formiche” del gruppo, per le quali 50 dollari sono più che sufficienti – ma anche Iran, Iraq, Emirati arabi uniti e persino l’Algeria, che fino all’anno scorso aveva ancora bisogno del barile a 100 dollari: il suo punto di breakeven è sceso a 63,80 $ per il 2017 e a 54,90 $ per il 2018. Le nuove stime del Fondo monetario internazionale, che ieri ha aggiornato l’Outlook su Medio Oriente e Asia centrale, mostrano che anche l’Arabia Saudita sta facendo grandi progressi nell’affrancarsi dal petrolio. Nel 2018 la situazione non sarà molto diversa: il breakeven saudita è indicato a 70 $, mentre la curva del Brent anticipa 58,90 $, un prezzo peraltro molto elevato in confronto alle previsioni della maggior parte degli analisti e dello stesso Fmi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e tributi – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]