Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I big del petrolio al test dei 70 dollari
04/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Eni e Tenaris tra le migliori, con Saras in altalena, e Saipem esclusa eccellente. Con il rialzo del prezzo del petrolio alcune delle società italiane del settore oil sono pronte a riprendersi una parte dei risultati persi negli ultimi anni con la crisi. Il 2018 è partito in rialzo e l’oro nero ha superato quota 65 dollari. Un trend che secondo gli analisti – da Equitalia a Banca Imi passando per Itermonte- sarà confermato nei prossimi mesi fino a raggiungere, nel 2019, stabilmente quota 70 dollari. Eni beneficerà di questa “ripresina”, raggiungendo “gli obiettivi di piano e migliorando la remunerazione per gli azionisti”, spiega Equita Sim puntando sul Cane a sei zampe come società che potrà fare meglio dei concorrenti “poiché ha una maggiore esposizione” nell’attività di esplorazione e un minor indebitamento. Anche la Tenaris della famiglia Rocca dovrebbe beneficiare del rally petrolifero visto che opera in aree attese in crescita quali Argentina, Messico e nello shale oil americano. Diverso il discorso per Saipem, per cui il recupero del greggio non sarà ancora d’aiuto sul fronte industriale. E per Saras, alle prese con i margini di raffinazione.

Fonte:Il Giornale, Economia – Sofia Fraschini (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]