Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Big Oil, utili triplicati nel 2017
09/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le 10 maggiori società per capitalizzazione in Europa e Stati Uniti hanno archiviato la prima metà dell’anno con quasi 32 miliardi di dollari di profitti stando ad un’elaborazione che il Sole 24 Ore ha fatto sui dati S&P Market Intelligence. L’accordo Opec sul taglio della produzione aveva alimentato un importante rimbalzo delle quotazioni di Brent e Wti salite di quasi il 100% dai minimi di febbraio ai massimi di dicembre dello scorso anno. La scommessa di molti era che questo trend sarebbe continuato anche nel 2017.gli effetti del taglio Opec sono stati compensati da altri fattori, come la decisione dell’industria dello shale oil americana di aumentare la produzione. La cavalcata del prezzo del greggio si è così attestata e il prezzo è tornato più volte sottolo la soglia dei 50 dollari/barile. Il timore che questi prezzi potessero pregiudicare la capacità delle major di fare profitti è stato scongiurato: nel secondo trimestre del 2017 gli utili aggregati delle 10 big petrolifere sono risultati in calo rispetto ai primi tre mesi dell’anno ma la flessione da 17,4 a 14,4 miliardi di dollari è stata meno marcata del previsto visto che è stato annunciato mezzo miliardo di utili in più rispetto alle stime degli analisti.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Andrea Franceschi (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]