Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bhp abbandona la lobby del carbone
06/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

È tra i maggiori produttori di carbone al mondo e non intende rinunciarvi. Ma Bhp Billiton ha scelto di lasciare, non senza una punta di polemica, la World Coal Association (Wca). Il possibile abbandono della lobby carbonifera era stato anticipato a dicembre ed è stato confermato ieri «alla luce delle concrete differenze identificate» nell’approccio al problema del cambiamento climatico. Bhp, pur derivando un quinto dei profitti dal carbone, è schierata a favore degli Accordi di Parigi sul clima e si propone di azzerare le emissioni di Co2 delle sue attività entro la seconda metà del secolo. La mineraria australiana afferma di averle ridotte del 61% tra il 2010 e il 2016, ma resta comunque, almeno indirettamente, uno dei maggiori responsabili dell’inquinamento atmosferico, in quanto estrae ogni anno 30 milioni di tonnellate di carbone termico e altre 40 milioni di carbone da coke. Messa sotto pressione da gruppi ecologisti, Bhp ha riesaminato l’affiliazione anche ad altri organismi, concludendo di poter restare – nonostante alcune divergenze – nella Us Chamber of Commerce, l’equivalente della nostra Confindustria.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]