Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Basilicata, timori per 3mila addetti
20/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

La delibera della Giunta regionale della Basilicata (n. 322 del 15 aprile 2017) che dispone la sospensione dell’attività del Centro Olio Val d’Agri per 90 giorni, è stata notificata ieri a Eni, che già da martedì ha avviato la chiusura dell’impianto di Viggiano. Completate le verifiche interne, Eni conferma che la fuoriuscita di petrolio si è avuta solo da uno dei 4 serbatoi. Ieri, inoltre, è arrivato dalla Sardegna l’impianto mobile della Syndial per il trattamento delle acque. Sarà operativo da venerdì. Crescono, intanto, i timori per l’indotto. Sono 730 i lavoratori diretti interessati: 300 a Viggiano e 430 nella raffineria Eni di Taranto, dove viene lavorato il greggio trasportato dall’oleodotto. In Basilicata, poi, sono circa 3mila i lavoratori con l’indotto, e altri 10mila legati alle royalty regionali. Sarà proprio l’indotto a soffrire maggiormente, anche alla luce di quanto ha pesato sull’economia lucana lo stop di 5 mesi imposto nel 2016 a seguito dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza, e che ha visto circa 600 lavoratori coinvolti dalla richiesta di cassa integrazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigi Ierace (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]