Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Basilicata, timori per 3mila addetti
20/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

La delibera della Giunta regionale della Basilicata (n. 322 del 15 aprile 2017) che dispone la sospensione dell’attività del Centro Olio Val d’Agri per 90 giorni, è stata notificata ieri a Eni, che già da martedì ha avviato la chiusura dell’impianto di Viggiano. Completate le verifiche interne, Eni conferma che la fuoriuscita di petrolio si è avuta solo da uno dei 4 serbatoi. Ieri, inoltre, è arrivato dalla Sardegna l’impianto mobile della Syndial per il trattamento delle acque. Sarà operativo da venerdì. Crescono, intanto, i timori per l’indotto. Sono 730 i lavoratori diretti interessati: 300 a Viggiano e 430 nella raffineria Eni di Taranto, dove viene lavorato il greggio trasportato dall’oleodotto. In Basilicata, poi, sono circa 3mila i lavoratori con l’indotto, e altri 10mila legati alle royalty regionali. Sarà proprio l’indotto a soffrire maggiormente, anche alla luce di quanto ha pesato sull’economia lucana lo stop di 5 mesi imposto nel 2016 a seguito dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza, e che ha visto circa 600 lavoratori coinvolti dalla richiesta di cassa integrazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Luigi Ierace (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Il governo riapra il tavolo con le imprese per l’energia”

Noi imprenditori non siamo contro la decarbonizzazione. Anche le aziende energivore pensano che la sfida della transizione ambientale possa essere un’opportunità di crescita, ma vogliamo poter competere alla pari con gli altri Paes
[leggi tutto…]

La trazione al gas delle aziende energivore necessita d’incentivi

Il gruppo tecnico energia di Confindustria si prepara a riaprire il tavolo di confronto con il Governo. L’obiettivo è di trovare un confronto con il Ministro dello sviluppo economico Patuanelli già entro la fine dell’anno
[leggi tutto…]

Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal

Doveva essere approvato l’11 dicembre prossimo, ma dopo l’annuncio della nuova presidente della Commissione Europea, von der Leyen che, invece dei 35 iniziali, punta a mobilitare 100 miliardi di euro per finanziare la transizione verso un&rsqu
[leggi tutto…]