Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Basf tratta con i russi per una joint venture su petrolio e metano
25/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’asse energetico tra Germania e Russia potrebbe rafforzarsi ulteriormente, con la creazione di una joint venture del valore di circa 15 miliardi di euro nel settore degli idrocarburi. Il gruppo tedesco Basf, colosso globale della chimica, ha confermato di essere in trattative con Letter One, holding del miliardario russo Mikhail Fridman, per una potenziale fusione tra la sua controllata Wintershall e «le attività nel petrolio e nel gas riunite nel gruppo Dea»: in pratica, i giacimenti che lo stesso Friedman, oligarca vicino al Cremlino, aveva rilevato nel 2015 da un’altra società tedesca, la Rwe. L’operazione all’epoca aveva sollevato un’aspra querelle con Londra, che – in nome della sicurezza energetica nazionale – aveva imposto ai russi di cedere gli interessi nelle acque britanniche del Mare del Nord. Pochi mesi dopo Friedman si era rifatto, acquistando altre licenze nella stessa area (ma sotto giurisdizione norvegese) da E.On, anch’essa tedesca. L’esito delle attuali trattative è «aperto» e «non c’è alcuna garanzia» che la fusione avvenga davvero,ha precisato Basf dopo i rumor pubblicati da Bloomberg, secondo cui l’accordo potrebbe arrivare «nei prossimi giorni o settimane». Anche Letter One conferma il negoziato con Basf, suggerendo però uno spettro più ampio: il merger, secondo la nota della holding, riguarderebbe «le attività nell’Oil & Gas, che comprendono il gruppo Dea».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]