Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barometro Aiee, rialzi diversificati in ottobre
18/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Per il mese di ottobre il Barometro Aiee prevede variazioni positive, ma differenziate, di tutte i prodotti energetici considerati come rappresentativi. Greggi e prodotti petroliferi dovrebbero subire aumenti contenuti, sullo sfondo dei tentativi di controllo della produzione, contrastati dalla perdurante condizione di abbondanza di offerta. Il Gas naturale (Hub TTF), dopo l'aumento di settembre, dovrebbe registrare un'ulteriore ascesa per effetto della stagionalità della domanda. Il costo di generazione medio del parco termoelettrico italiano (metodologia AIEE), che si basa sul mix delle fonti utilizzate, ovvero gas, carbone e oli combustibili, subirà un aumento, collegato a quello dei prezzi dei combustibili. Il prezzo di borsa dell'energia elettrica (PUN Baseload) dovrebbe continuare sul trend ascendente iniziato a settembre. Le previsioni dell'AIEE di inizio mese hanno presentato scostamenti massimi di circa il 3%. In particolare, rispetto alle indicazioni del Barometro per il mese di settembre i consuntivi hanno evidenziato, relativamente a Brent e Diesel, scostamenti compresi tra il -1,5% (Brent DTD) ed il 3,0% (Diesel Cif Med). Il mercato gas ha mostrato un aumento inferiore alle aspettative nella misura del 2,7%. La previsione del costo di generazione è stata sostanzialmente centrata, così come quella per il PUN, con scostamenti rispettivamente dell'1,3% e dello 0,6%.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]