Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barili da Libia e Nigeria rallentano i piani Opec
14/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Libia e Nigeria stanno mettendo i bastoni tra le ruote all’Opec: la produzione di petrolio dei due Paesi ha inaspettatamente ripreso quota, portando sul mercato 350mila barili al giorno in più in maggio, abbastanza per neutralizzare un quarto della riduzione operata dagli altri membri. In realtà è lo shale oil americano ad essere additato come il maggiore ostacolo ai piani dell’Organizzazione ed infatti, rispetto allo scorso dicembre, i fondamentali sono cambiati «soprattutto perché si è passati da un’attesa di contrazione a una crescita positiva per l’offerta Usa». La Russia è impegnata a ridurre di 300mila bg, ma dopo l’accordo per prolungare i tagli, le stime sulla sua produzione nel secondo semestre sono state abbassate soltanto di 200mila bg.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]