Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il barile soffrirà a lungo di una crisi d’abbondanza Per svegliare l’inflazione occorre puntare altrove
26/09/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Si può affermare che anche nel settore petrolifero sia in atto una sorta di quantitative easing: sono i produttori non convenzionali americani che in questo caso hanno aperto il rubinetto e che, appena il petrolio tocca i livelli superiori, espandono automaticamente la produzione. E pur non essendo tantissimo il volume, è sufficiente per fare salire il tetto e impedire che le quotazioni salgano. Nell’ultimo anno infatti si sono riscontrati sorprendenti incrementi di efficienza nelle tecnologie di estrazione dello shale oil. Si stanno aprendo scenari nuovi se si tiene in conto anche il processo di efficientamento energetico e la crescita delle tecnologie per le rinnovabili. Anche per il gas c’è un eccesso di offerta che ha ridotto la rilevanza del tema della diversificazione delle fonti ed annullato i rischi di approvvigionamento. Siamo in un’era di abbondanza con un cambiamento radicale tra produttori e consumatori, a vantaggio di questi ultimi.

Fonte: Corriere Economia – Carlo Maria Pinardi (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]