Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Alle banche piacciono i gasdotti
28/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Shah Deniz, nel Mar Caspio, e Zohr, in Egitto. Sono due dei supergiacimenti destinati a ridisegnare la mappa delle forniture di gas secondo le stime del mercat. Zohr, operato da Eni, è stato avviato alla produzione in tempi record. Grazie alle ricadute di questa startup, l’Egitto ha appena ottenuto un prestito da 200 milioni di dollari dalla Bnca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo 8Bers). Shah Deniz ha invece avuto il sostegno finanziario dell’Adb (Asian Development Bank) che nel suo ultimo rapporto sul settore energetico definisce strategico il giacimento azero, lo stesso destinato ad alimentare il gasdotto Tap. Il prestito, che ammonta a 524,5 milioni di dollari, andrà al consorzio Cjcs, che gestisce il corridoio meridionale del gas, per la seconda gase di sviluppo del giacimento. Il gas di Shah Deniz arriverà in Europa grazie alle due sezioni del Corridoio che agganceranno il gasdotto Tanap (Trans Anatolian Pipeline) per arrivare al Tap (Trans Adriatic Pipeline), che porterà il gas del Caspio fino in Italia.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]