Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Alle banche piacciono i gasdotti
28/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Shah Deniz, nel Mar Caspio, e Zohr, in Egitto. Sono due dei supergiacimenti destinati a ridisegnare la mappa delle forniture di gas secondo le stime del mercat. Zohr, operato da Eni, è stato avviato alla produzione in tempi record. Grazie alle ricadute di questa startup, l’Egitto ha appena ottenuto un prestito da 200 milioni di dollari dalla Bnca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo 8Bers). Shah Deniz ha invece avuto il sostegno finanziario dell’Adb (Asian Development Bank) che nel suo ultimo rapporto sul settore energetico definisce strategico il giacimento azero, lo stesso destinato ad alimentare il gasdotto Tap. Il prestito, che ammonta a 524,5 milioni di dollari, andrà al consorzio Cjcs, che gestisce il corridoio meridionale del gas, per la seconda gase di sviluppo del giacimento. Il gas di Shah Deniz arriverà in Europa grazie alle due sezioni del Corridoio che agganceranno il gasdotto Tanap (Trans Anatolian Pipeline) per arrivare al Tap (Trans Adriatic Pipeline), che porterà il gas del Caspio fino in Italia.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, piano da 3,19 miliardi su più livelli

Il sogno dell’idrogeno inizia a diventare realtà con il PNRR che delinea il percorso di sviluppo del settore in Italia lungo quattro direttrici
[leggi tutto…]

Transitgas, Eni offre capacità per l'anno termico 2021-22

Eni SpA offrirà capacità di trasporto gas dalla Francia all'Italia attraverso il gasdotto svizzero Transitgas dal 1 ottobre 2021 al 1 ottobre 2022 attraverso aste a turno unico secondo la regola del prezzo marginale.
[leggi tutto…]

UE, prossima settimana via libera ai primi Pnrr

Già la prossima settimana la Commissione europea avvierà l'approvazione dei primi piani nazionali per l'adozione da parte del Consiglio
[leggi tutto…]