Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Azerbaijan, la Tap e l’avvertimento all’Italia sul rischio di penali da 40 miliardi
27/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Alla Casa Bianca l’argomento è stato già messo in cima alla lista dell’agenda: quando il premier Giuseppe Conte, la settimana prossima, incontrerà Donald Trump, fornirà le rassicurazioni e le garanzie che gli americani si aspettano sull’avanzamento dei lavori della Tap. Ma non sono solo gli americani ad esercitare una pressione diplomatica sul nostro Paese perché recuperi il ritardo accumulato e vada avanti in modo spedito nel completamento del gasdotto che passa da Grecia e Albania e ha il compito di portare il gas azero in Europa, in modo da ridurre la dipendenza da quello russo. Gli stessi azeri sono stati piuttosto espliciti la settimana scorsa, quando Sergio Mattarella e il Ministro degli Esteri Moavero Milanesi si sono recati a Baku. Prima che il capo dello Stato e il titolare della Farnesina confermassero in modo chiaro il carattere sistemico dell’opera, lo stesso presidente dell’Azerbaijan, Ilham Aliyev, ha rivolto un invito alle nostre autorità un ultimatum: “Se non avete più intenzione di portare avanti l’opera non dovete che dirlo, abbiamo rotte alternative, l’Austria e altri Paesi sarebbero ben felici…”.

Fonte: Corriere della Sera – Marco Galluzzo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]