Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa E l’avanzata delle rinnovabili non si ferma
28/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’economia globale è sempre più verde. Lo dimostra il nuovo rapporto dell’International Energy Agency, presentato alla Cop22 di Marrakech, con una forte revisione al rialzo sulle prospettiva di crescita delle fonti rinnovabili, tradizionalmente sottostimate dall’Agenzia dell’Ocse. L’annuncio è importante, perché il World Energy Outlook di novembre vale come analisi imparziale nei 29 Paesi aderenti all’organizzazione di Parigi e viene utilizzato da molti previsori come punto di partenza per le tendenze del settore. In base alle nuove stime, la Iea ritiene che la potenza globale rinnovabile aggiunta dal 2015 al 2021 sarà pari a 825 gigawatt, +13% in confronto alle indicazioni date lo scorso anno, quindi il 60% della nuova capacità di generazione elettrica sarà verde. Nel 2040, secondo le nuove previsioni, il 60% della produzione globale verrà dalle rinnovabili, di cui la metà dall’eolico e dal solare. Come ha spiegato il numero uno dell’agenzia, Fatih Birol, nei prossimi 25 anni l’eolico, il solare e il gas naturale rimpiazzeranno il campione del passato, cioè il carbone, non per merito di sussidi pubblici, ma grazie alla crescente competitività delle fonti.

Fonte: Corriere della Sera, Corriereconomia – Elena Comelli (pag. 43)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]