Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Autorità: da nomine Gme possibile conflitto di interessi
28/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

L'Autorità per l'energia ha infatti avviato un procedimento per verificare l'esistenza di conflitti di interesse derivanti dal fatto che nel consiglio di amministrazione del Gme siedono due dirigenti del Gse, che opera come controparte nel mercato gestito dal Gme e al contempo ne è l'azionista unico. Nel mirino dell'Autorità è il nuovo assetto di governance del Gme stabilito in occasione delle nomine dei vertici. In caso di accertato conflitto di interessi, l'Autorità potrà formulare una segnalazione al Parlamento o al Governo sulle eventuali criticità rilevate, formulare al Governo una proposta di intervento sull'assetto dei mercati o adottare provvedimenti correttivi ai sensi dell'articolo 43, comma 5, del decreto legislativo 93/11 per la tutela della neutralità del Gme nello svolgimento di alcune attività di monitoraggio e di gestione dei mercati energetici. La scelta di nominare consiglieri due dirigenti del Gse (Rosaria Tappi e Luca Barberis), si legge nella delibera, “si pone in rilevante discontinuità con le decisioni passate sulla governance del Gme, realizzando un assetto di potenziale influenza del Gse, in qualità di operatore di mercato, a tutti i livelli, anche di gestione ordinaria, sulle funzioni caratteristiche del Gme”.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]