Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Authority rilancia la partita rigassificatori
17/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

La ratio era stata messa nero su bianco nella Strategia energetica nazionale laddove si sottolineava che “la capacità di rigassificazione sarà un asset fondamentale per l’Italia in futuro”, uno snodo necessario per consentire al paese di cogliere le opportunità di un mercato del gas naturale liquefatto (Gnl) che si prevede caratterizzato da un eccesso di offerta fino alla prima metà del prossimo gennaio. così, con la delibera 660 del 2017, l’Autorità per l’energia ha di fatto dato seguito a quell’auspicio attuando la revisione del meccanismo di remunerazione dei servizi di rigassificazione per migliorare la competitività degli impianti esistenti. In sostanza, finisce definitivamente in soffitta la vecchia procedura di conferimento basata su criteri di priorità di accesso e del pro-rata, per passare a un meccanismo di mercato mediante il ricorso ad aste aperte ascendenti, con valorizzazione al costo marginale, per il conferimento della capacità di rigassificazione annuale e pluriennale.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Celestina Dominelli (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]