Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aumenta lo spazio per le energie alternative
03/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Gli ultimi giorni di borsa aperta del 2017 stanno avendo come protagonista il rialzo del prezzo del petrolio. Sono bastati un paio di guasti a due oleodotti per un mini rally che pochi si attendevano. Il Brent ha ampiamente passato i 65 dollari al barile, un livello che non si vedeva dal 2015. Fare previsioni sull’andamento del prezzo del petrolio è un esercizio molto complicato. Negli ultimi anni ci siamo abituati a prezzi molto bassi che hanno impattato un’infinità di settori. Le variazioni del prezzo del petrolio significano molto di più di un aumento del costo del pieno. Se i rialzi del prezzo del petrolio a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi non si traducessero in aumento della produzione, si confermerebbe la tesi di chi sostiene che produrre petrolio negli Usa sia meno conveniente di quanto sembri.

Fonte: ItaliaOggi – Paolo Annoni (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]