Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’attività estrattiva segna il passo (-17,7%)
11/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Meno petrolio e meno metano estratti dai giacimenti nazionali, a vantaggio delle importazioni da Paesi lontani. Anche in agosto l’indice dell’Istat sulla produzione industriale ha rilevato una caduta profonda (-17,7%) per il segmento dell’attività estrattiva, settore che comprende la ghiaia delle cave, i minerali strappati delle gallerie nelle viscere delle montagne ma anche – anzi, soprattutto – il petrolio e il gas dei giacimenti nazionali. Il crollo dell’estrazione di greggio è dovuto ai mesi di paralisi con cui la magistratura di Potenza aveva sequestrato dal 31 marzo il centro oli dell’Eni a Viggiano, in Basilicata, bloccando tutti i giacimenti della val d’Agri dove si producevano fino a punte di 70mila-80mila barili di greggio al giorno, in media sui 55mila-60mila. Solamente a metà agosto la magistratura potentina ha concordato con l’Eni lo sblocco degli impianti, i quali dopo i lavori di adeguamento sono tornati lentamente a lavorare. Per quanto riguarda il metano, il calo di produzione è più lento e graduale per lo svuotarsi dei giacimenti. In agosto dalle riserve di gas si estraevano ogni giorno 91mila barili equivalenti di petrolio, mentre nell’agosto 2015 l’estrazione era di 113mila barili e nell’agosto 2014 si producevano 119mila barili di gas al giorno.  

Fonte: Il Sole 24Ore – J.G. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]