Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’attività estrattiva segna il passo (-17,7%)
11/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Meno petrolio e meno metano estratti dai giacimenti nazionali, a vantaggio delle importazioni da Paesi lontani. Anche in agosto l’indice dell’Istat sulla produzione industriale ha rilevato una caduta profonda (-17,7%) per il segmento dell’attività estrattiva, settore che comprende la ghiaia delle cave, i minerali strappati delle gallerie nelle viscere delle montagne ma anche – anzi, soprattutto – il petrolio e il gas dei giacimenti nazionali. Il crollo dell’estrazione di greggio è dovuto ai mesi di paralisi con cui la magistratura di Potenza aveva sequestrato dal 31 marzo il centro oli dell’Eni a Viggiano, in Basilicata, bloccando tutti i giacimenti della val d’Agri dove si producevano fino a punte di 70mila-80mila barili di greggio al giorno, in media sui 55mila-60mila. Solamente a metà agosto la magistratura potentina ha concordato con l’Eni lo sblocco degli impianti, i quali dopo i lavori di adeguamento sono tornati lentamente a lavorare. Per quanto riguarda il metano, il calo di produzione è più lento e graduale per lo svuotarsi dei giacimenti. In agosto dalle riserve di gas si estraevano ogni giorno 91mila barili equivalenti di petrolio, mentre nell’agosto 2015 l’estrazione era di 113mila barili e nell’agosto 2014 si producevano 119mila barili di gas al giorno.  

Fonte: Il Sole 24Ore – J.G. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]