Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’attività estrattiva segna il passo (-17,7%)
11/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Meno petrolio e meno metano estratti dai giacimenti nazionali, a vantaggio delle importazioni da Paesi lontani. Anche in agosto l’indice dell’Istat sulla produzione industriale ha rilevato una caduta profonda (-17,7%) per il segmento dell’attività estrattiva, settore che comprende la ghiaia delle cave, i minerali strappati delle gallerie nelle viscere delle montagne ma anche – anzi, soprattutto – il petrolio e il gas dei giacimenti nazionali. Il crollo dell’estrazione di greggio è dovuto ai mesi di paralisi con cui la magistratura di Potenza aveva sequestrato dal 31 marzo il centro oli dell’Eni a Viggiano, in Basilicata, bloccando tutti i giacimenti della val d’Agri dove si producevano fino a punte di 70mila-80mila barili di greggio al giorno, in media sui 55mila-60mila. Solamente a metà agosto la magistratura potentina ha concordato con l’Eni lo sblocco degli impianti, i quali dopo i lavori di adeguamento sono tornati lentamente a lavorare. Per quanto riguarda il metano, il calo di produzione è più lento e graduale per lo svuotarsi dei giacimenti. In agosto dalle riserve di gas si estraevano ogni giorno 91mila barili equivalenti di petrolio, mentre nell’agosto 2015 l’estrazione era di 113mila barili e nell’agosto 2014 si producevano 119mila barili di gas al giorno.  

Fonte: Il Sole 24Ore – J.G. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]