Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Attentato all’oleodotto libico. S’impenna il prezzo del petrolio
27/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Cresce la tensione politica in Libia e inevitabilmente la sua produzione petrolifera. Prima conseguenza dell’attentato di ieri contro l’oleodotto che porta il greggio al terminale di Es Sider è stata la perdita netta di circa 90mila barili nella produzione quotidiana libica. Un dato che rappresenta circa il 10% dell’attuale produzione nazionale, che sfiora il milione di barili al giorno. Sui mercati il prezzo del petrolio ha sfiorato la quota di 67 dollari al barile, la cifra più alta dal maggio 2015.

Fonte: Il Corriere della Sera – Lorenzo Cremonesi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]