Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Attentato all’oleodotto libico. S’impenna il prezzo del petrolio
27/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Cresce la tensione politica in Libia e inevitabilmente la sua produzione petrolifera. Prima conseguenza dell’attentato di ieri contro l’oleodotto che porta il greggio al terminale di Es Sider è stata la perdita netta di circa 90mila barili nella produzione quotidiana libica. Un dato che rappresenta circa il 10% dell’attuale produzione nazionale, che sfiora il milione di barili al giorno. Sui mercati il prezzo del petrolio ha sfiorato la quota di 67 dollari al barile, la cifra più alta dal maggio 2015.

Fonte: Il Corriere della Sera – Lorenzo Cremonesi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Grigio, blu o verde. I conti in tasca all’idrogeno arcobaleno

Pronti, via, anche l’Italia entra ufficialmente nella partita dell’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]