Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Attentato all’oleodotto libico. S’impenna il prezzo del petrolio
27/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Cresce la tensione politica in Libia e inevitabilmente la sua produzione petrolifera. Prima conseguenza dell’attentato di ieri contro l’oleodotto che porta il greggio al terminale di Es Sider è stata la perdita netta di circa 90mila barili nella produzione quotidiana libica. Un dato che rappresenta circa il 10% dell’attuale produzione nazionale, che sfiora il milione di barili al giorno. Sui mercati il prezzo del petrolio ha sfiorato la quota di 67 dollari al barile, la cifra più alta dal maggio 2015.

Fonte: Il Corriere della Sera – Lorenzo Cremonesi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]