Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Astana-Eni, soluzione in vista
06/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Un prestito a lungo termine, garantito dai proventi del giacimento di gas di Karachaganak, per finanziare la costruzione di una raffineria, oppure un rimborso cash dalle compagnie che potrebbe arrivare a 1,6 miliardi di dollari. Sono le opzioni sul tavolo del ministro dell’Energia del Kazakhstan, Kanat Bozumbayev, che sarebbe pronto a valutare la prima opzione per chiudere il contenzioso fiscale che si trascina ormai da tre anni con il consorzio Kpo, di cui fanno parte Eni e Shell, titolare della concessione per lo sfruttamento del gas di Karachaganak. Al tavolo dei negoziati, c’è la richiesta dei kazaki di modificare la metodologia che ha fin qui determinato la suddivisione dei ricavi riconosciuti alle casse pubbliche. A sostegno dell’ipotesi prestito gioca il fatto che il prossimo settembre il gruppo energetico statale KazMunayGas presenterà uno studio di fattibilità per la realizzazione della raffineria. La volontà di arrivare a un accordo senza strappi è comune. Ad Astana Karachaganak assicura il 49% dei volumi di gas prodotti nel Paese, ma anche entrate stabiliti dal momento che è un formidabile generatore di introiti fiscali. Per dare un’idea, in 20 anni il consorzio ha già versato tasse per ben 26 miliardi di dollari nelle casse kazake. Oltre al gruppo guidato dall’ad Descalzi e a Shell, che detengono quote paritetiche del 29,25%, del consorzio fanno parte anche Chevron, Lukoil e KazMunaiGas. Nel 2017 la produzione ha raggiunto il picco di 146 milioni di barili di olio equivalente.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]