Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Assopetroli scrive al Mef: no ad aumento accise
08/02/2017 - Pubblicato in fiscalita,news nazionali

Dopo Unione Petrolifera e associazioni dei gestori (v. Staffetta 06/02), anche Assopetroli alza la voce contro l'ipotesi di un aumento delle accise, messa nero su bianco dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. “Accogliamo con estrema preoccupazione la possibilità recentemente paventata dal ministro Pier Carlo Padoan di inserire un aumento delle accise tra le misure per il riequilibrio dei conti pubblici, che troveranno spazio nel prossimo Documento di Economia e Finanza”. Lo afferma in una nota il presidente di Assopetroli-Assoenergia, Andrea Rossetti. “Tale misura, oltre ad incrementare il già gravoso carico fiscale al quale sono sottoposti i consumatori, si porrebbe in netto contrasto con tutti gli sforzi, fatti fino ad oggi, per arginare il fenomeno dell'evasione delle accise e soprattutto dell'Iva sui carburanti. Esiste infatti una chiarissima correlazione tra l'aumento del carico fiscale e il dilagare dell'evasione nel nostro settore, che si stima ammonti a circa il 10 per cento. L'aumento delle imposte sui carburanti penalizza consumatori e imprese e incoraggia il malaffare. Questa realtà è ampiamente riconosciuta e non può essere ignorata, nonostante le impellenze del bilancio pubblico”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]