Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Asia la sfida petrolifera tra Arabia Saudita e shale oil
06/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Asia è il nuovo terreno della sfida petrolifera tra l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti dello shale oil. La Cina, fina dal via libera alle esportazioni di greggio americano, si è imposta come primo acquirente, importando 8,08 milioni di barili, superando anche il Canada con 6,84 mb. La potenza dei Paesi dell’Opec è comunque di gran lunga superiore. Riad ha deciso di combattere gli Usa con una strategia commerciale: applicando riduzioni di prezzo per il secondo mese consecutivo ai clienti asiatici. In Asia e in Europa la maggiore insidia per il petrolio saudita non sono gli Stati Uniti, ma la Russia che guadagna forti quote di mercato. L’Arabia Saudita quindi continua ad adottare politiche di prezzo mirate.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]