Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arrivo del gas dagli Stati Uniti fa temere una guerra dei prezzi
23/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Parlare di guerra del gas forse è eccessivo, anche se molti analisti non esitano a definirla così. Di certo sul mercato qualcosa si sta muovendo: i grandi fornitori dell’Europa - Russia, Norvegia, Algeria e Qatar - sono sulla difensiva di fronte ai fiumi di Gas naturale liquefatto (Gnl) che minacciano di arrivare nel Vecchio continente, un territorio che fino a poco tempo fa consideravano alla stregua di una riserva di caccia privata e inviolabile. L’export di gas algerino verso l’Italia, ad esempio, è improvvisamente triplicato, tornando a salire ai livelli di tre anni fa e spiazzando forniture concorrenti in arrivo dal Nord. Mosca ed Oslo, d’altra parte, nonostante il recente passo indietro sul nostro mercato, esportano da mesi volumi record, contribuendo a deprimere i prezzi, già bassi, del combustibile. Il tutto proprio mentre in Europa sta arrivando il primo carico di Gnl “made in Usa”: la metaniera Creole Sprint, salpata il 15 aprile dal terminale Sabine Pass di Cheniere, in Louisiana, è attesa a giorni in Portogallo. Grazie a costi molto bassi e capacità di produzione in eccesso, Gazprom potrebbe replicare le strategie dei sauditi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29) 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]