Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arrivo del gas dagli Stati Uniti fa temere una guerra dei prezzi
23/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Parlare di guerra del gas forse è eccessivo, anche se molti analisti non esitano a definirla così. Di certo sul mercato qualcosa si sta muovendo: i grandi fornitori dell’Europa - Russia, Norvegia, Algeria e Qatar - sono sulla difensiva di fronte ai fiumi di Gas naturale liquefatto (Gnl) che minacciano di arrivare nel Vecchio continente, un territorio che fino a poco tempo fa consideravano alla stregua di una riserva di caccia privata e inviolabile. L’export di gas algerino verso l’Italia, ad esempio, è improvvisamente triplicato, tornando a salire ai livelli di tre anni fa e spiazzando forniture concorrenti in arrivo dal Nord. Mosca ed Oslo, d’altra parte, nonostante il recente passo indietro sul nostro mercato, esportano da mesi volumi record, contribuendo a deprimere i prezzi, già bassi, del combustibile. Il tutto proprio mentre in Europa sta arrivando il primo carico di Gnl “made in Usa”: la metaniera Creole Sprint, salpata il 15 aprile dal terminale Sabine Pass di Cheniere, in Louisiana, è attesa a giorni in Portogallo. Grazie a costi molto bassi e capacità di produzione in eccesso, Gazprom potrebbe replicare le strategie dei sauditi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29) 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]