Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Arrivano 1,2 mld per 2950 imprese energivore italiane
25/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali,normativa

Sbloccati dall’Unione europea fondi pari 1,2 mld di euro per le 2.950 imprese (italiane) a forte consumo energetico grazie al primo accordo raggiunto tra lo Sviluppo economico e gli organi della Commissione europea. Grazie a questo accordo alle imprese energivore non verrà richiesto di rinnovare le garanzie o le fideiussioni. Lo sblocco definitivo delle risorse pregresse è libero da ogni forma di garanzia. Le agevolazioni relative all’anno 2014 saranno erogate in tempi brevi. I fondi sono già nella disponibilità della Csea (Cassa per i servizi energetici e ambientali). Questo è quanto sostiene il ministero dello sviluppo economico, guidato da Carlo Calenda in merito all’accordo raggiunto tra il dicastero di Via veneto e dalla direzione generale concorrenza della commissione Ue. Anche le agevolazioni relative all’anno 2015 sono già disponibili presso la Csea, ma l’erogazione avverrà solo successivamente alla raccolta, da parte della Csea, dei dati del 2015. Le agevolazioni saranno calcolate secondo la normativa nazionale vigente, ovvero in riferimento a tutti gli oneri generali di sistema.Sbloccati dall’Unione europea fondi pari 1,2 mld di euro per le 2.950 imprese (italiane) a forte consumo energetico grazie al primo accordo raggiunto tra lo Sviluppo economico e gli organi della Commissione europea. Grazie a questo accordo alle imprese energivore non verrà richiesto di rinnovare le garanzie o le fideiussioni. Lo sblocco definitivo delle risorse pregresse è libero da ogni forma di garanzia. Le agevolazioni relative all’anno 2014 saranno erogate in tempi brevi. I fondi sono già nella disponibilità della Csea (Cassa per i servizi energetici e ambientali). Questo è quanto sostiene il ministero dello sviluppo economico, guidato da Carlo Calenda in merito all’accordo raggiunto tra il dicastero di Via veneto e dalla direzione generale concorrenza della commissione Ue. Anche le agevolazioni relative all’anno 2015 sono già disponibili presso la Csea, ma l’erogazione avverrà solo successivamente alla raccolta, da parte della Csea, dei dati del 2015. Le agevolazioni saranno calcolate secondo la normativa nazionale vigente, ovvero in riferimento a tutti gli oneri generali di sistema.

Fonte: Italia Oggi – Marco Ottaviano (pag. 50)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]