Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Arrivano 1,2 mld per 2950 imprese energivore italiane
25/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali,normativa

Sbloccati dall’Unione europea fondi pari 1,2 mld di euro per le 2.950 imprese (italiane) a forte consumo energetico grazie al primo accordo raggiunto tra lo Sviluppo economico e gli organi della Commissione europea. Grazie a questo accordo alle imprese energivore non verrà richiesto di rinnovare le garanzie o le fideiussioni. Lo sblocco definitivo delle risorse pregresse è libero da ogni forma di garanzia. Le agevolazioni relative all’anno 2014 saranno erogate in tempi brevi. I fondi sono già nella disponibilità della Csea (Cassa per i servizi energetici e ambientali). Questo è quanto sostiene il ministero dello sviluppo economico, guidato da Carlo Calenda in merito all’accordo raggiunto tra il dicastero di Via veneto e dalla direzione generale concorrenza della commissione Ue. Anche le agevolazioni relative all’anno 2015 sono già disponibili presso la Csea, ma l’erogazione avverrà solo successivamente alla raccolta, da parte della Csea, dei dati del 2015. Le agevolazioni saranno calcolate secondo la normativa nazionale vigente, ovvero in riferimento a tutti gli oneri generali di sistema.Sbloccati dall’Unione europea fondi pari 1,2 mld di euro per le 2.950 imprese (italiane) a forte consumo energetico grazie al primo accordo raggiunto tra lo Sviluppo economico e gli organi della Commissione europea. Grazie a questo accordo alle imprese energivore non verrà richiesto di rinnovare le garanzie o le fideiussioni. Lo sblocco definitivo delle risorse pregresse è libero da ogni forma di garanzia. Le agevolazioni relative all’anno 2014 saranno erogate in tempi brevi. I fondi sono già nella disponibilità della Csea (Cassa per i servizi energetici e ambientali). Questo è quanto sostiene il ministero dello sviluppo economico, guidato da Carlo Calenda in merito all’accordo raggiunto tra il dicastero di Via veneto e dalla direzione generale concorrenza della commissione Ue. Anche le agevolazioni relative all’anno 2015 sono già disponibili presso la Csea, ma l’erogazione avverrà solo successivamente alla raccolta, da parte della Csea, dei dati del 2015. Le agevolazioni saranno calcolate secondo la normativa nazionale vigente, ovvero in riferimento a tutti gli oneri generali di sistema.

Fonte: Italia Oggi – Marco Ottaviano (pag. 50)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]