Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Arabia Saudita scommette sulla ripresa del petrolio
23/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dopo l’accordo per tagliare la produzione di petrolio, l’Arabia Saudita fa sfoggio di ottimismo. Non solo a parole, ma anche nei fatti. Nella nuova legge di bilancio, pubblicata ieri, Riad prevede un aumento del 46% delle entrate generate dal greggio nel 2017, a 48o miliardi di riyals (128 miliardi di dollari). La previsione è fondata su uno scenario di prezzi «conservativo», ha sottolineato il ministro dell’Energia Khalid Al Falih, aggiungendo che comunque si basa sul presupposto che l’Opec, la Russia e gli altri alleati del gruppo rispettino gli impegni presi, ossia riducano le estrazioni di oltre 1,7 milioni di barili al giorno. Al Falih non ha precisato quali siano le attese di Riad sui prezzi del petrolio e le cifre non sono indicate nemmeno nel testo diffuso dal ministero delle Finanze, ma secondo Al Arabiya il governo saudita avrebbe delineato uno scenario conservativo in cui nel 2017 il barile costerà 49 $ e uno scenario base col barile a 55 $, previsioni in entrambi i casi molto più ottimiste di quelle di Mosca, che ha redatto il budget mantenendo un prudente 40 $/barile. Riad si aspetta che il greggio salga a 52-61$ nel 2018, a seconda dello scenario, e a 55-65 $ nel 2019.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]