Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Arabia Saudita, anche gli sceicchi piangono
13/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Pochi giorni fa il governo saudita ha annunciato che entro settembre chiederà 15 miliardi di dollari agli investitori internazionali. Si tratta della prima emissione di debito estero della storia dell’Arabia Saudita. La monarchia saudita è entrata in crisi dopo il crollo del prezzo del greggio a metà 2014. Il deficit ha sfiorato nel 2015 il 16% del Pil, il debito si è impennato al 10% e le riserve sono scese sotto i 600 miliardi. C’è chi dice che la discesa repentina del prezzo dell’oro nero sia una strategia orchestrata proprio dai sauditi per buttare fuori dal mercato i produttori Usa di “shale oil”. Un piano fallimentare: con la Fed che tiene i tassi inchiodati intorno allo zero, le banche hanno continuato a rifinanziare i trivellatori, che hanno ridotto la produzione e tagliato i costi.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Marcello Minenna (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]