Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Arabia Saudita, anche gli sceicchi piangono
13/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Pochi giorni fa il governo saudita ha annunciato che entro settembre chiederà 15 miliardi di dollari agli investitori internazionali. Si tratta della prima emissione di debito estero della storia dell’Arabia Saudita. La monarchia saudita è entrata in crisi dopo il crollo del prezzo del greggio a metà 2014. Il deficit ha sfiorato nel 2015 il 16% del Pil, il debito si è impennato al 10% e le riserve sono scese sotto i 600 miliardi. C’è chi dice che la discesa repentina del prezzo dell’oro nero sia una strategia orchestrata proprio dai sauditi per buttare fuori dal mercato i produttori Usa di “shale oil”. Un piano fallimentare: con la Fed che tiene i tassi inchiodati intorno allo zero, le banche hanno continuato a rifinanziare i trivellatori, che hanno ridotto la produzione e tagliato i costi.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Marcello Minenna (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ok Ue al Piano Green italiano

Bruxelles promuove il Piano italiano per l’Energia e Clima che fissa gli obiettivi sui vari fronti della sostenibilità ambientale per allinearsi ai target green europei al 2030.
[leggi tutto…]

Libia, da oggi revocato lo stato di forza maggiore da porti e giacimenti

A partire dal 26 ottobre è stato revocato lo stato di forza maggiore in tutti i giacimenti e porti libici, dopo i blocchi messi in atto dal generale Haftar nel corso dell'anno.
[leggi tutto…]

Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni

Il dipartimento di Stato Usa ha esteso martedì il raggio delle sanzioni americane al progetto di gasdotto Nord Stream II
[leggi tutto…]