Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Arabia Saudita alza le difese contro il petrolio debole
26/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

A poco più di una settimana dal vertice Opec, che si terrà la venerdì prossimo a Vienna, le quotazioni del petrolio rischiano di accentuare ulteriormente la discesa. Anche l’effetto della crisi tra Russia e Turchia si è rapidamente esaurito e il barile ieri ha concluso la seduta poco variato, con il Brent a 46,17 e il Wti a 43,04 $/barile. Le probabilità che l’Organizzazione degli esportatori di greggio decida di invertire la rotta, decretando un taglio di produzione, resta tuttavia scarse, nonostante le numerose voci critiche che si stanno levando all’interno del gruppo e nonostante qualche analista abbia voluto leggere come un’apertura da parte saudita il comunicato in cui qualche giorno fa il governo di Riyadh ribadiva la disponibilità a intervenire insieme a produttori non Opec. La posizione in fin dei conti rimane la stessa: taglieremo solo se lo faranno anche altri big, a cominciare dalla Russia, che tuttavia - come ha detto Igor Sechin, ceo di Rosneft - non ha neppure ancora deciso se partecipare a questo vertice come osservatore. Proprio dall’Arabia Saudita arrivano intanto indicazioni che il Paese si sta preparando a una discesa ancora più lunga e dolorosa del prezzo del barile. L’Arabia Saudita per la prima volta dal 2007 ha fatto ricorso all’emissione di titoli di Stato bond per fronteggiare l’emorragia di riserve valutarie, ridottesi da 746 a 647 miliardi di $ tra agosto 2014 e settembre 2015. Adesso ha allo studio un nuovo bond, aperto anche a investitori internazionali. Il Paese non è certo in crisi come altri membri dell’Opec. Ma sta soffrendo due volte per l’andamento dei mercati: non solo sopporta il crollo del greggio, ma anche il superdollaro.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag.43)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]