Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Apache apre in Texas una nuova frontiera per lo shale americano
08/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Potrebbe essere la grande rivincita dello shale oil. Apache, una delle maggiori compagnie indipendenti americane, ha annunciato di aver individuato ai margini del bacino di Permian, in Texas, un nuovo giacimento - battezzato Alpine High - che potrebbe contenere ben 8,1 miliardi di barili di riserve di petrolio e gas non convenzionale: una quantità stratosferica, specie se messa a confronto con la scarsità di scoperte negli ultimi anni. Nel 2015 in tutto il mondo sono stati rinvenuti appena 12,1 miliardi di barili di greggio, calcola Rystad Energy, il peggior risultato da 63 anni. Zohr, il supergiacimento di gas scoperto in Egitto dall’Eni, ha un potenziale di 5,5 miliardi di barili equivalenti petrolio.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]