Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Un anno dopo l’aumento il piano di Saipem non decolla
22/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Troppe le incognite legate alle quotazioni del petrolio e ad un business plan sfidante che non ha del tutto convinto il mercato. Saipem potrebbe beneficiare della prossima quotazione del colosso Saudi Aramco (già committente del gruppo italiano) che con nuova liquidità a disposizione potrebbe avviare nuovi appalti. Grandi aspettative riguardano, poi, altre commesse come quella che riguarda il gasdotto Turkish Stream, progetto che dovrebbe essere in fase di avvio. A breve gli occhi sono puntati sul vertice Opec del 30 novembre per definire i dettagli dell’accordo sul taglio della produzione, siglato a settembre. Gli analisti sottolineano che un’eventuale intesa avrebbe comunque un impatto limitato sul mercato. L’Arabia Saudita sta cercando di trovare la sintesi tra i membri dell’Opec affinché si sigli un accordo. Nel frattempo, però, il Venezuela ha ottenuto un finanziamento di 2,2 miliardi di dollari dalla Cina per incrementare la produzione della joint venture fra Caracas e China National Petroleum. Inoltre, ad ottobre, l’Iran ha superato per la prima volta l’Arabia Saudita come primo fornitore dell’India.

Fonte: Il Giornale – Sofia Fraschini (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]