Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Un anno dopo l’aumento il piano di Saipem non decolla
22/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Troppe le incognite legate alle quotazioni del petrolio e ad un business plan sfidante che non ha del tutto convinto il mercato. Saipem potrebbe beneficiare della prossima quotazione del colosso Saudi Aramco (già committente del gruppo italiano) che con nuova liquidità a disposizione potrebbe avviare nuovi appalti. Grandi aspettative riguardano, poi, altre commesse come quella che riguarda il gasdotto Turkish Stream, progetto che dovrebbe essere in fase di avvio. A breve gli occhi sono puntati sul vertice Opec del 30 novembre per definire i dettagli dell’accordo sul taglio della produzione, siglato a settembre. Gli analisti sottolineano che un’eventuale intesa avrebbe comunque un impatto limitato sul mercato. L’Arabia Saudita sta cercando di trovare la sintesi tra i membri dell’Opec affinché si sigli un accordo. Nel frattempo, però, il Venezuela ha ottenuto un finanziamento di 2,2 miliardi di dollari dalla Cina per incrementare la produzione della joint venture fra Caracas e China National Petroleum. Inoltre, ad ottobre, l’Iran ha superato per la prima volta l’Arabia Saudita come primo fornitore dell’India.

Fonte: Il Giornale – Sofia Fraschini (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]