Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’allarme sul petrolio venezuelano complica il prossimo vertice Opec
08/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

I mercati petroliferi sono tornati a focalizzarsi sul Venezuela, dove la situazione sta peggiorando di giorno in giorno, e le quotazioni del barile hanno ripreso a correre: ieri la seduta si è chiusa con un rialzo di oltre il 25%. Che ha riportato il Brent a 77,32 dollari e il Wti a 65,95 dollari. La convinzione che l’Opec colmerà ogni carenza di greggio comincia a vacillare, probabilmente anche tra gli speculatori, che potrebbero aver interrotto la ritirata. Gli hedge funds da metà aprile sono diventati sempre più cauti, tanto da ridurre le pozioni nette lunghe (all’acquisto) su Brent e Wti ai minimi da settembre 2017. Il prossimo vertice Opec, che si terrà fra appena due settimane, si profila denso di tensioni. Con l’export di Caracas che rischia di crollare di almeno mezzo milione di barili al giorno questo mese, l’aumento di produzione necessario per compensare dovrà essere ancora più ingente di quanto Arabia Saudita e Russia avessero previsto. Convincere tutti i membri della coalizione sarà un’impresa quasi impossibile, soprattutto ora che è emersa l’ingerenza degli Usa, che premono per una riduzione dei tagli produttivi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]