Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’allarme per il clima fa cambiare modello alle big del petrolio
18/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

I piani di riduzione delle emissioni di CO2 fissati all’ultimo meeting di Parigi sono drastici. Per rispettare i livelli le compagnie petrolifere devono rivoluzionare le loro strategie. Le posizioni, sul punto, sono le più disparate: la Total ad esempio ha investito 1,4 miliardi di dollari nel 2011 nell’acquisto della maggioranza della società americana SunPower produttrice di pannelli fotovoltaici; in Italia Eni ha creato la divisione Energy solution dedicata proprio al raggiungimento di COP21, privilegiando un portafoglio energetico composto in prevalenza da gas naturale e da energie sostenibili come il fotovoltaico.

Fonte: La Repubblica Affari & Finanza – Alessandro Pastore Simone Ferriani (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]