Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aie, produzione di gennaio in calo di 1,5 mln b/g
11/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

E' ufficiale: la produzione mondiale di greggio sta calando, principalmente grazie all'impegno dei paesi Opec che stanno tenendo fede agli accordi presi ad Algeri a fine dello scorso anno, ma anche grazie al contributo dei paesi non Opec che hanno aderito all'iniziativa. Secodo l'ultimo Oil Market Report, in gennaio l'offerta mondiale di greggio è scesa di circa 1,5 milioni di barili al giorno. "L'offerta mondiale di 96,5 milioni di barili al giorno si colloca 730.000 b/g al di sotto dei livelli di un anno fa, con quella Opec che ha messo a segno il primo calo su base annuale dal 2015", si legge nel rapporto Aie. La produzione di greggio Opec è scesa di 1 milione di b/g a 32,06 mln b/g in gennaio, arrivando al rispetto del 90% degli accordi presi. In totale le scorte petrolifere Ocse sono scese di 800.000 b/g nell'ultimo trimestre dell'anno, il calo più consistente degli ultimi tre anni. A fine dicembre le scorte erano sotto la soglia dei 3.000 milioni di barili per la prima volta dal dicembre 2015. Quanto alla domanda, l'Aie ha dovuto correggere al rialzo le stime la crescita di quella 2016, portandola a 1,6 milioni di barili al giorno. Le previsioni sul 2017 sono per un aumento inferiore, pari a 1,4 milioni di barili al giorno.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]